Laboratori, Biblioteca, Arte e Cultura in Libertà e O Carnevale S.T.A.R. 2013

pubblicato in: Cultura Open Source | 0

L’Associazione culturale per la Psicologia “Set Me Free” presenta a Giugliano le attività previste dal progetto di intervento psicologico-educativo “Cultura Open Source. Laboratori, Biblioteca, Arte e Cultura in Libertà”, patrocinato dal Comune di Giugliano in Campania. In occasione del Carnevale, sta per andare in scena “O Carnevale S.T.A.R. Giugliano 2013”, inserito nella rassegna di eventi “O Carnevale S.T.A.R.”, coordinamento dei carnevali di Napoli e Provincia: un percorso di eventi culturali, socializzazione e recupero di spazi esperienziali troppo spesso negati.

Le attività, che si svolgono durante la settimana al 1° circolo didattico di Piazza Gramsci e la domenica in piazza Municipio, sempre a Giugliano, si rivolgono a bambini\e e ragazzi\e di età compresa tra i 6 ed i 16 anni, che vengono coadiuvati nella creazione di maschere, scenografie carnevalesche, strumenti musicali, a partire da materiali di “scarto” come giornali, cartone, legno, lattine, plastica etc., i quali costituiscono la base su cui impostare l’attività creativa. Le attività laboratoriali sono gestite e coordinate da psicologi, educatori, tecnici esperti d’arte e di manipolazione dei materiali. Alla fine di questi percorsi laboratoriali venerdì 8 febbraio, dalle ore 10 alle ore 13, ci sarà una parata carnevalesca da Piazza Gramsci a Piazza Matteotti con carri allegorici, maschere, scenografie e musica dal vivo. Mentre martedì 12 febbraio ci sarà la parata carnevalesca che partirà da Piazza Del Gesù a Napoli (alle ore 15) e che coinvolgerà tutte le territorialità che hanno partecipato al carnevale.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.
Gli eventi carnevaleschi prevedono una parata di carri allegorici con maschere, scenografie, giochi, spettacoli e musica dal vivo. L’Associazione “Set Me Free”, per quanto concerne il progetto “O Carnevale STAR”, collabora con l’Associazione culturale “Illimitarte”, stupenda realtà operante a Villaricca, che cura l’aspetto musicale: è previsto un concerto gratuito durante il quale si esibiranno i Bidonvillarik, i Panicorkestra ed altri artisti associati, con l’intervento dei bambini. Questi ultimi li accompagneranno con gli strumenti musicali che hanno creato nei laboratori con materiali di riciclo (bambini di Set Me Free), e con un gruppo mascherato con tema musicale (bambini Illimitarte). In questa felice partnership, Illimitarte metterà inoltre a disposizione il suo saper integrare culture e l’approcciarsi all’arte nei modi più disparati; un notevole apporto, in termini di connessioni tra realtà locali e strumenti logistici, è stato dato dal progetto Imprenditori Napoli Nord.
Il progetto nasce dall’idea che la formazione della cultura e dell’identità civile di ogni individuo sia un percorso di formazione individuale che vada accompagnato, a volte recuperato, con un lavoro esperienziale ed interattivo costante. L’acquisizione di competenze psicologiche, individuali e di gruppo, necessarie per affrontare con successo le sfide evolutive individuali e di comunità, oltre ad essere un’opportunità di crescita e maturazione, diventa quindi priorità in un momento storico-sociale in cui a tendenze depressive e disgreganti dei sistemi vitali è necessario rispondere con capacità creative e sociali. Ciò è attuabile attraverso il potenziamento di aspetti cognitivi, di fattori psicologici individuali e di gruppo: la percezione del sé e dell’altro, la percezione di auto-efficacia, il problem-solving, la capacità di adattamento e resilienza dell’individuo e del gruppo, l’intelligenza emotiva e sociale, l’assunzione di responsabilità, il rispetto ed il riconoscimento reciproco, il senso di appartenenza al gruppo ed alla comunità. Impronta caratteristica del progetto, in un’ottica secondo la quale l’essere umano è parte di un sistema bio-dinamico, è il rispetto e la riscoperta dell’ambiente naturale, la promozione di uno stile di vita che faciliti l’equilibrio uomo\Terra, il vivere ecosostenibile. Il progetto è attuato tramite un ciclo di laboratori psicologici, socio-educativi e di arte manuale, in cui ci si può sperimentare in attività pratiche laboratoriali, occasioni di socializzazione, confronto e scambi, in contesti educativi e ludici che incentivano la formazione, lo sviluppo e la maturazione di capacità creative e sociali.